Galleria Borghese

Galleria Borghese

Mappa: dove si trova Galleria Borghese

Sto caricando la mappa ....

Categoria
Edificio o palazzo storico - Museo statale
Campo di interesse
Archeologia romana - Arte e architettura barocca

Indirizzo
piazzale del Museo Borghese 5
Roma (RM)

Municipio
II - Parioli/Nomentano
Rione

Informazioni e contatti
Telefono: 06 8413979
Sito web:
Pagina Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Galleria_Borghese
Email: ga-bor@beniculturali.it

Condizioni di visita
visitabile esternamente - visitabile internamente in modo autonomo

Compreso in
Villa Borghese
Collegato a
Casa del Cinema (Casina delle Rose di Villa Borghese)
Casina di Raffaello (Ludoteca di Villa Borghese)
Museo Carlo Bilotti (Aranciera di Villa Borghese)
Museo Pietro Canonica (Fortezzuola di Villa Borghese)

Presentazione
Il cardinale Scipione Caffarelli Borghese, nipote di Paolo V, nel 1608 commissionò a Flaminio Ponzio la costruzione di una villa suburbana che doveva essere destinata a museo per la raccolta di opere scultoree e dipinti della collezione Borghese. Terminata nel 1613 da Giovanni Vasanzio, la facciata, decorata da sculture antiche, è costituita da due corpi laterali uniti da un portico coperto da terrazza dietro il quale si innalza un corpo centrale a tre piani. Nelle 20 stanze della Galleria Borghese tra le innumerevoli opere d’arte sono da menzionare: la celebre “Venere vincitrice” di Antonio Canova, che rappresenta Paolina Bonaparte; le sculture e i gruppi marmorei di Gian Lorenzo Bernini come il “Davide”, il cui volto è l’autoritratto dello scultore, “Apollo e Dafne” che rappresenta il momento in cui Dafne si trasforma in una pianta di alloro per sfuggire al dio inseguitore, e l’opera giovanile il “Ratto di Proserpina”; tra le sculture antiche è celebre “L’Ermafrodito dormiente”, copia romana di un bronzo di Policle. Tra i più importanti quadri esposti si ricordano il “Ragazzo col canestro di frutta” e la “Madonna dei Palafrenieri” di Caravaggio, la “Deposizione di Cristo” di Raffaello, “Danae” del Correggio, “Ritratto d’uomo” di Antonello da Messina e “Amor Sacro e Amor Profano” di Tiziano, nonché una raccolta di dipinti e sculture che spazia dal XV al XVIII secolo, oltre a bassorilievi e mosaici antichi.

Prossimi Eventi - Eventi in corso

  • Non ci sono eventi in programma in questo momento
  • Eventi trascorsi

  • Non ci sono eventi in programma in questo momento
  • Condividi questo evento

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.