Villa Blanc – Giornate FAI di Primavera

Villa Blanc - LUISS Business School

Mappa: dove si svolge l'evento Villa Blanc – Giornate FAI di Primavera

DETTAGLI EVENTO

Data / Ora
domenica 25 marzo 20182018-03-25T10:00:00+00:00 - 2018-03-25T18:00:00+00:00
10:00 - 18:00

Categoria dell'evento

Costo per partecipante
2.00 contributo minimo

Descrizione

ORARIO
Sabato: 10:00 – 18:00 (ultimo ingresso 17:00)
Note: Il sabato è riservato agli Iscritti FAI. Possibilità di iscriversi al FAI in loco. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell’orario di chiusura indicato.

Domenica: 10:00 – 18:00 (ultimo ingresso 17:00)
Note: La domenica è aperta a tutti, con accesso prioritario per Iscritti FAI. Possibilità di iscriversi al FAI in loco. In caso di grande affluenza le code potrebbero venire sospese prima dell’orario di chiusura indicato.

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell’orario di chiusura indicato

NOTE PER LA VISITA
Non è possibile accedere con zaini o borse di grandi dimensioni. Non sono disponibili armadietti né guardaroba. Si consigliano scarpe comode.

Contributo suggerito a partire da: € 2,00

La commissione da parte del barone Alberto Blanc della sistemazione del parco su via Nomentana all’archeologo Giacomo Boni, segna un momento di grande interesse per la storia dell’architettura e delle arti decorative nella Roma di fine ‘800. La decorazione pittorica e scultorea della Villa costituisce un esempio unico nella cultura architettonica e decorativa romana il cui linguaggio eclettico viene in parte superato e in parte rielaborato con grande libertà anche nell’uso e accostamento di nuovi materiali quali il ferro, il vetro e la ceramica. La realizzazione del casino nobile fu affidata all’ingegner Francesco Mora che assemblò vari corpi di fabbrica in uno schema completamente libero dalle forme di un impianto planimetrico tradizionale, così come è libera la soluzione in alzato tanto da risultare un insieme antologico di forme e materiali tratti da un repertorio che va dal medioevo dei paramenti in mattoni della torre fino ai disegni liberty delle ceramiche invetriate della loggia

Organizzazione e contatti

ScoprendoRoma

Condividi questo evento