Rocca Colonna – Dimore storiche del Lazio

Rocca Colonna a Castelnuovo di Porto

Mappa: dove si svolge l'evento Rocca Colonna – Dimore storiche del Lazio

Sto caricando la mappa ....

DETTAGLI EVENTO

Data / Ora
sabato 27 aprile 20192019-04-27T11:00:00+00:00 - 2019-04-27T16:00:00+00:00
11:00 - 16:00

Categoria dell'evento

Costo per partecipante
0.00

Descrizione

Il palazzo ducale di Castelnuovo di Porto, comunemente definito “Rocca Colonna”, è il risultato della trasformazione da insediamento militare fortificato a palazzo rinascimentale. Posto sullo sperone tufaceo stretto tra la valle del fosso di Chiarano e della Mola, occupa il punto più alto del borgo antico che, nei secoli, si è sviluppato tutto intorno seguendo uno schema a cerchi concentrici. Si presenta come un complesso architettonico massiccio, a cui si accede dalla piazza principale attraverso due rampe di scale. La facciata ha due torri laterali, di cui una, a est, è l’originario mastio mentre quella a ovest è stata costruita dove era il rivellino, per armonizzare la vista. Il fabbricato si sviluppa su tre livelli che corrispondono al suo sviluppo diacronico.
Incerte sono le origine del nucleo più antico che si ipotizza sorgesse su un oppidum capenate. Il toponimo Castelnuovo di Porto, suggerisce la ricostruzione di un “Castello nuovo” probabilmente dei monaci Benedettini di San Paolo. Il primo incastellamento risale a prima dell’anno Mille, ad opera del principe e senatore romano AIberico. Occupata da Stefano di Teobaldo nel 1139, viene restituita al Monastero di S. Paolo da Papa lnnocenzo II. Ma già nel 1252 la Rocca è proprietà dei Colonna e a Stefano Colonna si devono le opere fortificatorie. Intorno al 1290, Giacomo Colonna detto “Sciarra”, noto come l’artefice dello “schiaffo di Anagni”, aggiunge una torre di rivellino, di cui si vedono i resti “decapitati”. Torre e rocca erano collegate attraverso un camminamento protetto, che non esiste più ma di cui si ha traccia nelle murature a ovest del corpo del castello. Furono creati ambienti di abitazione e impreziosita la Cappella di San Silvestro, già citata in una bolla di Giovanni XIX del 1026 come “chiesa antichissima di san Silvestro in Colonna ch’è nel cortile della rocca di Castelnovo”. La Chiesa è tornata alla luce solo da pochi anni, quando un accurato restauro ha liberato il complesso degli affreschi da pesanti scialbi di diverse tinte che li celavano alla vista. Il piccolo ambiente (3.60 m. x3.20 m.) è completamente affrescato sia sulle pareti che nella volta a crociera.
Nel 1548 Alessandro Colonna concede il feudo al figlio Sciarra che decreta gli Statuti regolatori per mercato, tribunali e giustizia e trasforma la rocca in palazzo rinascimentale con opere rilevanti, tra cui la costruzione di un nuovo piano nobile. L’intervento più significativo è la Sala Pinta (un tempo una loggia con due arcate aperte, poi quella che guarda la piazza è stata chiusa), datata 1568 e attribuita a Federico Zuccari.
Numerosi personaggi illustri sono stati ospitati nel castello. Tra tutti ricordiamo la Regina Cristina di Svezia alla fine del Seicento e nel 1734 Carlo III di Borbone mentre andava alla conquista del Regno di Napoli.
Dal 1870 fino alla fine degli anni sessanta del secolo scorso, il complesso è stato sede di Pretura e carcere mandamentale.

Questo sito partecipa all’apertura straordinaria:
solo 27 aprile 
ore 11.00-16.00 
25 PERSONE MAX OGNI 75 MINUTI
27 aprile ore 18.00
MUSICA: “Spookyman”
Giulio Allegretti in arte Spookyman è un cantautore, compositore e polistrumentista.

Orari e modalità di visita sono differenti, la prenotazione è obbligatoria attraverso il call center dedicato
entro il giorno 26 aprile:

mail : dimorestoriche@tosc.it
Telefono : 0632810961
lun-ven ore 9 -18; sab ore 9 -13; giov 25 e ven 26 aprile ore 9 -13; chiuso 14, 21 e 22 aprile

L’accesso ai siti è gratuito, ma a numero chiuso.
Ogni persona può prenotare al massimo 4 ingressi per ogni luogo.
Per effettuare le visite è necessario rispettare tassativamente orario e condizioni comunicati al momento della prenotazione.

Organizzazione e contatti

ScoprendoRoma

Condividi questo evento