Area archeologica del Foro Romano – Palatino

Area archeologica del Foro Romano - Palatino
Sto caricando la mappa ....

Categoria
Monumento o sito archeologico - Giardino o villa pubblica
Campo di interesse
Archeologia romana - Arte e architettura rinascimentale

Indirizzo
via della Salara Vecchia 5/6
Roma (RM)

Municipio
I - Centro Storico
Rione
X - Campitelli

Informazioni e contatti
Telefono: 06 39967700
Sito web:
Pagina Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Foro_Romano
Email: ssba-rm.fororomano@beniculturali.it

Condizioni di visita
visitabile esternamente - visitabile internamente in modo autonomo

Comprende
Casa di Augusto
Casa di Livia
Casa dei Grifi (domus repubblicana sul Palatino)
Basilica di Massenzio (di Costantino)
Chiesa di Santa Maria Antiqua
Rampa di Domiziano – Oratorio dei Santi Quaranta Martiri di Sebaste
Museo Palatino (Antiquarium del Palatino)

Presentazione
L’area archeologica del Foro Romano – Palatino è uno dei siti archeologici più importanti al mondo. Il Palatino fu sede di agglomerati di capanne della prima età del Ferro, di cui restano tracce delle buche di palo e dei canali di drenaggio delle acque presso la Casa di Augusto. Secondo la tradizione Romolo cinse la collina con una fortificazione di forma quadrangolare dando vita al primo nucleo della città (Roma Quadrata). Sepolture di quest’epoca sono state individuate nei pressi del Tempio di Antonino e Faustina. Il successivo sviluppo dell’abitato e la fusione con gli abitati vicini portò alla formazione della Roma del periodo monarchico che aveva come suo fulcro la valle del Foro, usata per assemblee e per il mercato, nonché sede della Regia (la modesta abitazione del rex), della Curia (luogo di riunione del Senato composto dai patres delle più importanti famiglie romane), del Lapis Niger (oscuro altare dedicato al dio Vulcano) e della Casa delle Vestali, le sacerdotesse addette al culto del sacro fuoco nell’adiacente Tempio di Vesta. Con la repubblica il Palatino si caratterizzò come quartiere preferito dall’aristocrazia romana, che qui aveva innalzato splendide dimore (Casa dei Grifi); il Foro, pavimentato, era il centro del dibattito politico e ospitò il Tempio di Saturno, il Tempio della Concordia ed il Tempio dei Castori, la Fonte di Giuturna, taberne dei mercanti e infine la grande Basilica Emilia; il Foro si colmava anche di monumenti onorari eretti in ricordo degli eroi della repubblica. Con l’Impero e il nuovo ruolo di centro della più potente e avanzata civiltà dell’antichità il Palatino si caratterizzò come cuore del potere imperiale (Casa di Augusto e di Livia, Domus Tiberiana, Domus Flavia o Augustana) mentre il Foro fu completato nel suo aspetto di piazza monumentale con l’erezione della Basilica Giulia, del Tempio del divo Cesare, del Tempio di Vespasiano e Tito e poi del Tempio di Antonino e Faustina. Sotto Adriano fu eretto l’enorme Tempio di Venere e Roma davanti al Colosseo, sotto Elagabalo il Tempio di Elagabalo sul Palatino e infine da Massenzio e poi Costantino la poderosa Basilica di Massenzio. Con la fine dell’Impero e il progressivo abbandono dell’area gli interventi si limitano alla realizzazione della Chiesa di Santa Maria Antiqua (VI secolo) che riutilizza strutture precedenti e all’innalzamento della Colonna di Foca agli inizi del VII secolo. In breve il Foro si trasformò nel Campo Vaccino, area abbandonata di pascolo per gli animali. Nel Rinascimento il Palatino ospitò gli Horti Farnesiani, lussuoso giardino all’italiana che ancora in parte si conserva.

Prossimi Eventi - Eventi in corso

Eventi trascorsi

  • Non ci sono eventi in programma in questo momento
  • Condividi questo evento

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.